Vacanza a Langkawi, cosa fare

Langkawi, anche conosciuta come il gioiello di Kedah, è l’isola più grande dell’omonimo arcipelago, composto da 99 isole, situato nel mare di Andaman, in prossimità del confine terrestre tra Malesia e Thailandia. Celebre in tutto il sud-est asiatico per essere un paradiso duty-free, in realtà Langkawi offre molto di più che una sfilza di grossi centri commerciali.

Partire dall’Europa apposta per visitare l’isola potrebbe essere un po’ esagerato, ma vale la pena fare una piccola deviazione per andarci se si è già in Malesia o nel sud della Thailandia, per esempio a Phuket, Koh Lanta, Koh Phi Phi e Koh Lipe. Mentre le isole thailandasi sono molto conosciute anche in Italia, Langkawi rimane ancora abbastanza sconosciuta ed è quindi un’ottima destinazione per chi vuole evitare il classico turismo europeo, pur godendo di paesaggi e spiagge molto simili alle celebri destinazioni thailandesi.

Ecco cosa fare durante una vacanza a Langkawi.

Spiagge

La spiaggia più famosa è Pantai Chenang, una lunghissima e vastissima distesa di sabbia dorata, fiancheggiata da una lunga fila di bar, ristoranti e locali. É questo il luogo in cui recarsi se si vuole fare vita notturna (anche se non ai livelli di Phuket), ma per rilassarsi è molto meglio visitare la vicina Pantai Tengah, o addirittura noleggiare una moto o chiamare un taxi per visitare le spiagge a nord, molto più carine: a Pantai Tanjung Rhu è possibile affittare ombrellone e sdraio e praticare vari sport acquatici, poi c’è Black Sand Beach, forse non la migliore per una nuotata, ma interessante per il colore scuro della sabbia, ed infine Pantai Pasir Tengorak nella parte nord-occidentale dell’isola, forse la più carina di tutte.

Pantai Tanjung Rhu

Cascate

Fiumi e cascate offrono una buona alternativa al mare quando si tratta di fare un tuffo rinfrescante in acqua. Ce ne sono svariate a Langkawi e tutte sono facilmente raggiungibili con un motorino ed una breve passeggiata nella giungla. Air Terjun Temurun è alta oltre 30 metri e forse la più impressionante sull’isola, soprattutto poco dopo la stagione delle piogge. Alla sua base c’è una bella pozza in cui rinfrescarsi. Le Durian Perangin Falls sono le mie preferite, situate su più livelli e poco frequentate dai turisti occidentali, mentre la cascata di Seven Wells è quella che mi ha impressionato di meno, forse anche per la grande quantità di turisti che vi si reca a causa della sua vicinanza con lo SkyCab, una delle principali attrazioni di Langkawi. Tuttavia riparlerò di questa cascata a breve, a causa del bellissimo sentiero nella giungla che parte proprio da qui.

Seven Wells Falls

SkyCab

Lo SkyCab, vale a dire una funivia che si arrampica su una delle montagne più alte dell’isola, è probabilmente l’attrazione più visitata e commercializzata di Langkawi. È quindi meglio evitarla durante i periodi di alta stagione (le file sono lunghissime), ma vale la pena salirci quando c’è meno gente per ammirare il bellissimo panorama dalla cima e fare due passi sull’impressionante ponte sospeso, non adatto a chi soffre di vertigini!
Il biglietto per la funivia include anche l’entrata ad un museo 3D ed alcune rappresentazioni cinematografiche.

Mercatini notturni

Nonostante ci siano degli ottimi ristorantini locali sparsi per tutta l’isola, la cena va fatta ai mercatini notturni che hanno luogo tutte le sere in punti diversi dell’isola: il principale è quello di Kuah, che ha luogo ogni mercoledì e sabato sera a partire dalle 5 e mezza circa. Qui, con pochissimi soldi, è possibile assaggiare pietanze di ogni genere: spaghettini di riso, specialità a base di pollo fritto od arrostito, sfogliatine ripiene di carne, pesce e verdure, gigantesche seppie fritte, frittatoni con carne e spezie e così via. Spesso mi concedevo delle sontuose cene accompagnate da buonissimi frullati al mango con un paio di euro. Da non perdere.

Escursioni in barca

Ci sono due gite in barca particolarmente gettonate a Langkawi, ossia quella tra le mangrovie ed il island hopping tour. La prima vi porterà ad ammirare le mangrovie, che costituiscono un habitat marino unico al mondo, del Klim Geoforest Park e potrete vedere scimmie, aquile, numerose grotte e fattorie galleggianti per l’allevamento di pesci. Il tour può costare dai 35 ai 300 ringgit a persona, questo dipende dalla durata del giro in barca e dal numero di partecipanti.
L’island hopping, invece, è un tour dalla durata di circa 4 ore che vi porterà a vedere tre diverse isole dell’arcipelago, la più particolare delle quali ha un grosso lago di acqua dolce al suo centro. I prezzi di questo tour, con partenza da Pantai Chenang, partono da 25 ringgit, circa 5 euro

Lago di acqua dolce nascosto su un’isola nell’arcipelago di Langkawi

Trekking

Chi l’avrebbe mai detto che su una piccola isola si può fare del trekking anche abbastanza decente?
Le due cime più alte, vale a dire il Gunung Raya ed il Mat Cincang, sono entrambe conquistabili a piedi.
Il sentiero per salire al Gunung Raya, in verità una lunghissima ed infinita scalinata in mezzo alla foresta, inizia nel parco Lubok Semilang ed è adatto solo ai più determinati; ci vogliono oltre due ore per arrivare in cima e l’interminabile scalinata può distruggere la motivazione dei più tenaci. Molto più bello è il sentiero che sale alla seconda cima più alta di Langkawi, il Mat Cincang, alto 701 metri. Per arrivarci bisogna affrontare i circa 600 scalini che portano fino alla cascata Seven Wells e poi seguire il sentiero che si snoda lungo il fiume. Il primo pezzo è bellissimo ed attraversa una folta giungla salendo dolcemente. Poi, dopo circa un’ora – ora e mezza di cammino ci si ritrova davanti ad una ripida salita affiancata da una corda. Da qui in poi si dovrà far uso di gambe e braccia per salire gli ultimi 350 metri di dislivello e godersi il panorama dalla cima.

Shopping

Tra le cose da fare a Langkawi non può mancare un po’ di shopping nei tanti negozi duty free, che si trovano principalmente a Kuah e lungo Pantai Cenang. I prezzi di alcol e sigarette sono migliori che sul continente, ma per l’acquisto di abbigliamento vale la pena dare un’occhiata ai tanti mercati locali sparsi per l’isola.

E con un pizzico di fortuna a Kuah potrete vedere questi grossi dragoni che possono raggiungere i due metri!

Noi abbiamo passato ben 12 giorni a Langkawi e non abbiamo avuto tempo per annoiarci, quindi è un posto ideale per una vacanza di una settimana o tre o quattro giorni intensi durante un viaggio nel sud-est asiatico.

Come arrivare?

Langkawi è collegata alla Thailandia e alla Malesia da numerosi traghetti, inoltre ci sono frequenti voli operati da AirAsia da Kuala Lumpur.

Quando visitarla?

Il periodo migliore per recarsi a Langkawi (e per visitare le altre isole della zona, anche quelle thailandesi) è da dicembre a febbraio, quando la stagione delle piogge è appena finita. Noi ci siamo stati ad inizio dicembre e ha piovuto solo una sera!

 

 

The following two tabs change content below.
Ho una strana visione del mondo. Non cerco un posto fisso. Credo che viaggiare costi meno che stare a casa. Amo la natura, faccio fatica a stare in cittá. Mi piace vivere con semplicitá. Ho fatto molti viaggi intorno al mondo, il piú lungo (per ora) é durato 15 mesi e ha dato vita a questo blog. Non mi piace andare in vacanza, preferisco viaggiare 🙂

Ultimi post di Anna (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + nove =